Seleziona una pagina

Scola della patienza del P. Geremia Dressellio della compagnia di Gesù volgarizzata dal P. Lodovico Flori della Med. Comp. con licenza dei superiori e privilegio in Roma per Hermanno Scheus 1643

350,00

Opera divisa in tre parti, legatura rigida in pelle marrone, piatti con abrasioni e mancanze ai margini, bordura impressa a secco ai piatti, dorso con fregi e titolo in oro segni di usura e abrasioni, tagli con macchie spruzzati impolverati quelli superiori, al margine inferiore del frontespizio annotazione coeva a penna, frontespizio figurato, interno in discreto stato, un lieve alone al margine superiore interno alle prime pagine, tre incisioni all’inizio di ogni parte, alcune pagine brunite, fioriture alle pagine interne che non vanno a disturbare la lettura, una macchia al margine destro da pag 370 a pag. 450, da pag. 773 a pag. 810 foro di tarlo al margine inferiore delle pagine senza interessamento del testo, numero pagine (12)+ 872, dimensioni cm 14,2 * 8 * 5

La Scola della Patienza è un libro di morale cristiana scritto dal gesuita Geremia Dressellio, scrittore ascetico tedesco della prima metà del XVII secolo, il quale componeva tutte le sue opere letterarie religiose in latino. Queste erano poi tradotte, o volgarizzate, in tutte le lingue europee del suo tempo ed ebbero quindi una grande diffusione.
Il testo in questione è la traduzione fatta dal gesuita Lodovico Flori dal latino in italiano per la pubblicazione avvenuta a Roma nel 1643 a cura di Hermanno Scheuss, con l’imprimatur del papa Urbano VIII.
L’opera di contenuto morale vuole insegnare la pazienza non solo nel senso concreto del termine ma soprattutto in quello spirituale ritenendo che questa virtù sia condizione indispensabile per accedere al paradiso.

1 disponibili

Descrizione

Opera divisa in tre parti, legatura rigida in pelle marrone, piatti con abrasioni e mancanze ai margini, bordura impressa a secco ai piatti, dorso con fregi e titolo in oro segni di usura e abrasioni, tagli con macchie spruzzati impolverati quelli superiori, al margine inferiore del frontespizio annotazione coeva a penna, frontespizio figurato, interno in discreto stato, un lieve alone al margine superiore interno alle prime pagine, tre incisioni all’inizio di ogni parte, alcune pagine brunite, fioriture alle pagine interne che non vanno a disturbare la lettura, una macchia al margine destro da pag 370 a pag. 450, da pag. 773 a pag. 810 foro di tarlo al margine inferiore delle pagine senza interessamento del testo, numero pagine (12)+ 872, dimensioni cm 14,2 * 8 * 5

La Scola della Patienza è un libro di morale cristiana scritto dal gesuita Geremia Dressellio, scrittore ascetico tedesco della prima metà del XVII secolo, il quale componeva tutte le sue opere letterarie religiose in latino. Queste erano poi tradotte, o volgarizzate, in tutte le lingue europee del suo tempo ed ebbero quindi una grande diffusione.
Il testo in questione è la traduzione fatta dal gesuita Lodovico Flori dal latino in italiano per la pubblicazione avvenuta a Roma nel 1643 a cura di Hermanno Scheuss, con l’imprimatur del papa Urbano VIII.
L’opera di contenuto morale vuole insegnare la pazienza non solo nel senso concreto del termine ma soprattutto in quello spirituale ritenendo che questa virtù sia condizione indispensabile per accedere al paradiso.

Autore Geremia Dressellio

Casa Editrice Hermanno Scheus

Edizione

1643

discrete